• Home
  • News
  • PREMIO NAZIONALE FRANCO ENRIQUEZ 2019 a “Gli Uccelli” da Aristofane

PREMIO NAZIONALE FRANCO ENRIQUEZ 2019 a “Gli Uccelli” da Aristofane

uccelliIL PREMIO PER IL TEATRO Franco Enriquez è un riconoscimento unico in ambito nazionale, che viene assegnato a coloro tra attori, registi e artisti della comunicazione che nella stagione si distingono particolarmente per un teatro di impegno sociale e civile.

la giuria del PREMIO NAZIONALE FRANCO ENRIQUEZ 2019- XV edizione “per una comunicazione e un arte di impegno sociale e civile” -Città di Sirolo- (Ancona) STAGIONE 2018/19, ha assegnato il premio nella categoria Teatro Classico e Contemporaneo sezione Adattamento e Regia a Emilio Russo per lo spettacolo “GLI UCCELLI” da Aristofane, con la seguente motivazione:

“Da Aristofane, nel 449 a.c. Eterno e insuperabile ad oggi, Emilio Russo ci manda un messaggio antico e contemporaneo, attraverso un adattamento del testo che fa perno sulla capacità di lettura socio politica di Aristofane e sulla sua comicità satirica. Promotore di un’utopia del cambiamento, assertore di false speranze, profondo conoscitore della natura umana, attento alle dinamiche di un potere che può trasformare tutto e ribaltare ideali e sogni, Aristofane attraverso la commedia “ Gli Uccelli”, ci illude con l’idea che qualcuno ci possa regalare un’isola felice, libera e indipendente tra cielo e terra, un’isola sospesa dove l’uomo possa trovare finalmente una pace tanto agognata, lontano dalla corruzione e dall’avidità di denaro, alla ricerca di un’uguaglianza tra le tutte le razze, dichiarando guerra agli uomini e agli Dei. Un’utopia fragile perchè basata sulla parola di due mistificatori che illuderanno molti, trasformando l’utopia in tirannia, un monito a diffidare dei cattivi politici che ci promettono un facile cambiamento e cose irrealizzabili. Una regia dinamica, vivace, snella, godibile, una “ Commedia Pop ”, che lascia alla musica e a modi espressivi diversi il compito di comunicarci un messaggio positivo come quello di Evelpide che cacciato dalla città dal suo compagno divenuto tiranno grida: “Andremo a riprenderci i nostri sogni”. Il messaggio di “ vera speranza ” di Russo ci sembra chiaro e sta tutto in questa affermazione. Un encomio a tutti gli attori della compagnia, alla Compagnia Controluce, ai musicisti, alle trovate sceniche, alle luci e ai costumi. ”

Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies ed altre tecnologie che ci permettono di riconoscerti.
Utilizzando questo sito, acconsenti agli utilizzi di cookies e delle altre tecnologie descritti nella nostra Cookies Policy.